BDSM ovvero: Bondage Sado Maso

L’acronimo BDSM nasce dalla fusione di tre termini :

  • Bondage
  • Sado
  • Maso

1) Bondage

Il Bondage è una pratica di immobilizzazione consensuale, che trae le sue origini dalla antica arte nipponica dello “ Shibari Kinbaku “, questa pratica agli inizi del 1800 si diffuse in Giappone probabilmente grazie alle opere pittoriche  di Seiu  Ito ; l’artista infatti per rappresentare le torture tipiche del Giappone feudale  durante la dinastia di Edo, scattava fotografie estremamente particolari, legando ed immobilizzando i propri modelli e modelle, seguendo i dettami della antica arte dello Shibari.

Successivamente, si serviva delle fotografie per dar vita alle opere che tutti conosciamo. A quanto pare le opere di Ido stimolarono la fervida fantasia orientale , dando vita ad una vera e propri “ars erotica” incentrata sulla costrizione e l’immobilizzazione del partner, ovvero lo Shibari Kinbaku.

1)      Sado

Il termine sadismo,   fu introdotto nel XIX secolo, dallo psichiatra Richard von Kraff-Ebing  e deriva da Donatien Alphonse François de Sade, meglio conosciuto come Marchese de Sade (1740 - 1814), (1740 - 1814), i libri erotici di De Sade ci presentano di solito, un protagonista maschile cinico e spietato, che in modo freddo e calcolatore trae un profondo piacere dall’infliggere sofferenza.

 

2)    Maso

Il termine deriva dal nome dello scrittore austriaco Leopold von Sacher-Masoch e come nel caso del sadismo, ne dobbiamo la paternità  allo psichiatra austriaco Richard von Krafft-Ebing; il  Masochista, come nel celeberrimo romanzo “Venere in Pelliccia”(1870), si rende totalmente succube di un’ altra persona, traendo piacere dai tormenti e dalle umiliazioni cui quest’ ultima lo sottopone.

3)    Sadomaso

Nel 1905 Sigmund Freud nella sua opera “ Tre Saggi sulla teoria sessuale”, identifica sadismo e masochismo come opposti complementari, dando origine al termine Sadomasochismo.
Freud inquadra queste tendenze sessuali non come normali inclinazioni dell’essere umano, ma come vere e proprie perversioni, o addirittura patologie; ovviamente la sua analisi clinica, è quella di un uomo schiavo dei preconcetti, della formazione culturale e delle convenzioni del suo tempo. Difatti parliamo di un periodo storico dove il piacere sessuale della donna era visto come una aberrazione e la libertà sessuale non era neppure pensata a livello concettuale; per non parlare di omosessualità maschile o femminile che fosse o di qualsiasi forma di rapporto che uscisse dai canoni della rigida e bacchettona morale di quella società ancora ottocentesca.

BDSM

Oggi la consapevolezza della molteplicità  delle inclinazioni sessuali individuali, ha completamente sdoganato il BDSM che finalmente è presentato e compreso per ciò che realmente è, ovvero un vero e proprio “Gioco di Ruolo”, dove si crea una relazione Dominato - Dominatore che consente ai partner’s  di dare spazio ed assecondare le proprie inclinazioni sessuali.

Dobbiamo però effettuare delle dovute precisazioni in merito al significato dei termini ed alla loro evoluzione semantica.

Successivamente, si serviva delle fotografie  per dar vita alle che tutti conosciamo.